Openspeleo - Presa Torrente Mangiola "Diga d'Borgoli"

Data inserimento 2012-09-20 13:05:18 Data ultimo aggiornamento 2013-01-29 06:22:42 Nome Presa Torrente Mangiola "Diga d'Borgoli"
Sinonimi Diga d'Borgoli Stato Italy Provincia 233 Comune Mulazzo Indirizzo SP 32 Località Diga d'Borgoli Epoca 1938 Sviluppo totale 2738 Dislivello 27 Longitudine 9.51406 Latitudine 44.17956 Quota 410 Cartografia CTR 233070 Gruppi Gruppo Speleologico Lunense: Giacomo Maucci Fogola Fabrizio Nencioni Massimiliano Fogola Sandro
Geologia La galleria di Presa è stata scavata nel macigno arenaria Itinerario di accesso Uscita A15 Pontremoli, proseguire verso sx, seguire le indicazioni Montereggio. 500 m. circa prima di arrivare al ponte di San Giuseppe, sul bivio Parana Montereggio, si trova un cartello con scritto EDISON SpA. Scendere il sentiero che porta al Torrente Mangiola. Descrizione La presa del Torrente Mangiola è situata a m. 410 slm. Oggi di proprietà di Edison SpA, il tunnel è un canale a pelo libero a sezione rettangolare, lungo m. 2738, con portata massima derivabile di 10 m cubi/sec.

Prima dell'alluvione dell'ottobre 2011 la Diga d'Bolgari era dotata di tre paratie metalliche, di cui due azionate automaticamente, a comando oleodinamico, la terza manovrata elettricamente dalla Centrale di Rocchetta. Oggi la traversa con le sue paratie sono andate completamente distrutte dalla sopraccitata alluvione.

Vi sono due entrate al tunnel di presa. Una d'ispezione dalla quale siamo entrati, a valle della traversa, posta a m. 409, direzione NE 40°. La seconda, la bocca di presa, posta all'interno di una vasca di decantazione è seguita da un canale di derivazione che dopo m. 45 si ricongiunge alla galleria. Il tunnel sbocca nella valle del Teglia e scarica in un canale che conduce all'omonimo invaso.
Altro,note Catasto Nazionale Cavità Artificiali: 81 T/MS Storia Il luogo dove è ubicato il tunnel è chiamato in dialetto locale ''Diga d'Bolgari'', dal nome del suo storico custode della Diga. Costruita nel 1938, inizia la sua attività nel 1940. La sua particolare posizione la rese incolume dai tentativi aerei di distruzione da parte delle forze anglo-americane.
La Diga è stata distrutta dall'alluvione dell'autunno 2011. Nell'Agosto 2012 sono inniziati ilavori di ricostruzione.
Rilevo 1
Rilievo 2
Rilievo 3
Rilievo 4
Foto
Foto
Foto
Foto
Foto
Foto
Foto
Foto
Foto
Foto
Foto
Foto
Foto
attachment 1 Carta01.jpg (218.23 Kb | 791 Download)
Vota :
 


Devi registrarti a Openspeleo per postare un commento


 resta collegato
Recupero password
Registrati