Openspeleo - Sberzulera Superiore

Nome Sberzulera Superiore Data inserimento 2007-01-01 00:00:00 Data ultimo aggiornamento 2005-06-27 14:34:54
Tipo di cavità grotta Stato Italy Provincia 183 Comune Cassinelle Località Bandita – Valle Fredda - Sberzulera Numero catastale 9 Pi/Al Sviluppo totale 58 Dislivello -17 Longitudine 3° 54' 22'' W di M.Mario Latitudine 44° 33' 26 N Quota 535 m slm Cartografia IGM: 82 IV SO Bandita
Geologia La grotta si apre tra prasiniti e serpentini del Gruppo di Voltri (Pretriassico-Giurassico) Descrizione La progressione in questa cavità risulta abbastanza problematica. Gli ambienti che andremo a descrivere sono realmente molto instabili e lo stillicidio rende la roccia scivolosa aumentando la pericolosa tendenza della stessa a disfarsi in grossi blocchi.
Raggiunto il suggestivo ingresso, un breve e basso scivolo sulla sinistra immette nella parte ipogea della cavità.
In questo tratto, da superare in opposizione, la labbra della frattura sono ancora molto evidenti e purtroppo taglienti come rasoi.
I fenomeni di crollo in questo primo tratto sono quasi assenti. In pratica si passa lati sopra al P1 (vedi rilievo), ma per raggiungere l' imbocco del pozzo occorre raggiungere la base della frattura ingombra di un caotico cumulo di massi ed infilarsi in una malagevole strettoia, molto umida.

Qui tutto è in equilibrio precario e la visita si limita a pochi metri per l' eccessivo restringersi delle pareti. Con un pò di allenamento (per la balistica necessaria) si riesce a raggiungere con qualche sasso il bacino idrico presente al fondo. Sul soffitto si notano interessanti licheni, non ancora definiti, che trattenendo microscopiche goccioline d' acqua, riflettono la luce creando suggestivi riflessi.
La strettoia susseguente ci conduce in più ampi ambienti, ancora più umidi ma relativamente meno instabili. Compare però un leggero strato di fango molto insidioso considerando la già notevole scivolosita della roccia. Poco oltre la strettoia di non facilissima interpretazione, raggiungiamo la sommità del secondo pozzo che presenta anch'esso un bacino idrico molto variabile.
Con passaggi difficili si può raggiungere la massima profondità della cavità, - 16,60 metri.

Tornati sulla originale frattura si raggiunge in breve il fondo della cavità, tra strettoie generate da crolli e frane di fango misto a detriti.
Altro,note Da www.ggaspeleo.it. Rilevo 1
Foto
Foto




Coordinate convertite per gps
Lat:44.55807642N Lon:8.54586103E Datum:WGS84
Share |
Devi registrarti a Openspeleo per postare un commento


 resta collegato
Recupero password
Registrati