Openspeleo - vC 6 - Buranco de' Strie

Nom vC 6 - Buranco de' Strie Insertion date 2007-01-01 00:00:00 Date updated 2009-01-25 19:44:27
Type de cavité grotta Pays Italy Province 218 Village Genova (Sestri P.) Emplacement San Pietro ai Prati Panigaro Domaine de spéléologie Alta val Chiaravagna Numéro de registre 315 Li Longueur totale 225 Gradient 140m (-130 +10) Longitude 8°50'43.2'' E Latitude 44° 27'40.7' N Datum WGS84 Elevation 340 m slm Cartographie IGM Sestri Ponente 82 II NE
Géologie Questa voragine si apre al contatto tra i calcari dolomitici del periodo triassico, simili a quelli Della Grotta di Iso, molto fratturati, e le formazioni non calcaree (ofioliti) entro le quali essi costituiscono una stretta lama quasi verticale. Voie d'accés Da Sestri Ponente percorrere viale Canepa e quindi scendere per via Arrivabene sino a via Chiaravagna, proseguire quindi risalendo il torrente medesimo per circa 2 km. Svoltare a destra per S.Pietro ai Prati. Giunti alla chiesetta di S. Giovanni, proseguire scendendo in direzione Case Dagnino per circa 1 km. Superare il letto di un piccolo ruscello quasi sempre in secca che attraversa la strasa e parcheggiare nel minuscolo spiazzo sulla destra.
Tornare indietro per la stessa strada per 50 metri a piedi fino ad incrociare una traccia di sentiero che scende ripida sulla sinistra.L' ingresso della grotta che si trova circa 10 metri sotto la strada.
Description VIA NORMALE
Fissata una corda all'ingresso (punto 1), si scende il primo pozzetto da 7 metri.
Da qui (punto 2) altri tre pozzetti portano alla partenza del P50 (punto 7).
Dal punto 2 è possibile,tramite una finestra in direzione opposta all'ingresso, anche immettersi in un altro pozzo parallelo meno ampio ma molto concrezionato che porta direttamente al punto 5.
Alla partenza del P50 si trovano attacchi in acciaio inox, vecchi spit e ad un cavo d'acciaio ancorato ad un grosso masso ormai piuttosto datato da NON utilizzare.
E' possibile invece ancorarsi alla catena in loco, facendo scendere la corda al centro del primo tratto del P50, (pozzo da 20 metri.) oppure sulla parete opposta all' arrivo frazionando 2 metri più in basso.
In fondo al P.20 ci si ritrova su una comoda cengia molto concrezionata (punto 9) dove occorre frazionare per ridiscendere il P.30.
Da qui una chiocciola (punto 10) porta ad una piccola saletta che raccogle l' acqua proveniente dal P50.
Alla base del P50 a destra della chiocciola è presente una stretta diaclasi molto fangosa (buca da lettere) che prosegue prima in orizzontale per poi scendere per una decina di metri per poi diventare impraticabile.
In questo tratto sono stati svolti lavori di disostruzione da parte dello Speleo Club Ribaldone attualmente interrotti a causa degli stretti ambienti.

RAMI NUOVI

Questo tratto di grotta è piuttosto estremo a causa della grande quantità di fango, degli ambienti molto stretti e dagli armi che a causa del tipo di roccia sono situati in punti scomodi che non consentono di eliminare gli sfregamenti della corda.
Il fango blocca facilmente gli attrezzi da risalita e rende inutilizzabile la lampada a carburo.

Dalla cengia (punto 9), facendo sicura sui numerosi spit a disposizione, e aiutandosi con corde già in loco, raggiungere il la finestra opposta alla cengia (punto 12) qui parte un pozzo da 30 metri che scende fino alla base del P50 per poi stringere.
Proseguendo in orizzontale lungo una cengia, una piccola fessura (punto 13) immette in un pozzo di 10 metri alla base del quale una strettoia (punto 14) conduce al P6 e al sucessivo P12.
Da qui un passaggio piuttosto scomodo (punto 15) immette in un fusoide caratterizzato da lame e ponti di fango che dopo 10 metri conduce ad un' altra strettoia piuttosto fangosa e scomoda (punto 16) che immette nel secondo tratto del pozzo (punto 16).
Da qui si intravede una piccola finestra impercorribile quasi completamente ostruita dal fango che immette in un pozzo parallelo.
Dal punto 16 si continua a scendere per altri 28 metri tra roccia e fango fino ad arrivare alla base del fusoide
a quota -130.
Da qui un piccolo corso d' acqua immette in un sifone terminale (punto 18).
Opposto al sifone una strettoia conduce ad un vano più ampio e pulito (punto 19), da qui in periodi di pioggia scende una cascata da cui proviene probabilmente l' acqua del P.50.
Il pozzo è stato in parte risalito dallo Speleo Club Ribaldone per una trentina di metri tra piccole marmitte e vaschette che contengono perle di grotta.La risalita è attualmente interrotta a causa dell' ingombro di alcune lame di roccia che astruiscono il passaggio ma che oltre le quali il pozzo continua a salire probabilmente comunicando con il fondo della via normale.

RISALITA

Alla partenza pel P50 (punto 7) è possibile risalire tramite corde in loco per 30 metri circa.
Da qui una serie di ripidi scivoli, percorsi da correnti d' aria, conducono ad una frana che si trova oltre la quota dell ingresso principale e rappresenterebbe un secondo ingresso ostruito che si troverebbe appena sopra il livello della strada esterna alla grotta.
In questo punto i rumori provenienti dall' esterno sono chiaramente udibili e sono state trovate foglie ancora verdi provenienti dall' esterno.
Sheet
RIFERIMENTO ZONA ATTREZZATURA ATTACCO FRAZIONAMENTO UBICAZIONE NOTE
1     albero
+ 1 Spit
  sopra l'ingresso vertice triangolo di ingresso Possibile doppiare con spit in loco
2       1 Spit a -7 sul soffitto in corrispondenza orlo cengia  
3       1 Spit a -13 su verticale corda, a 1 metro da terra  
4 P30 Corda 50 m   1 Spit due metri orizzontali da spit precedente dietro drappeggio concrezionale Tra questi due attacchi la corda fa da corrimano orizzontale
5       1 Spit a -18 su parete di fronte, in alto  
6       1 spit a -26 inizio scivolo Tra questi due attacchi la corda fa da cottimano
7       1 spit a -28 fine scivolo  
 
7 P20 Corda 30 m 2 spit 1 spit a -2 su parete sinistra a m1.50
parete sinistra proprio sotto cengia
non usare cavo in acciaio in loco, armando sulla catena è possibile evitare il frazionamento.
8 P30 Corda 40 m   2 spit a -1.5 su parete sinistra basso, su concrezione parete sinistra, fine cengia Tra questi due attacchi la corda fa da cottimano
9       1 spit a -2.5 sotto al precedente  
RAMI NUOVI      
9 traversata Corda 15 m 1 spit   Fine cengia destra,faccia alla parete corrispondente al primo frazionamento del P30
della "via ordinaria"
        1 spit a sinistra, altezza piedi (faccia alla parete)  
        1 spit Pendolo a sinistra, tre metri  
        1 spit sotto al precedente spit a sinistra, fine cengia  
12       1 spit 1 m sopra spit precedente uso straffa
13 P10 Corda 35 m 1 Spit +
1 nut
  strettoia di ingresso attacco a Y molto fango uscita scomoda
impossibile eliminare sfregamenti
14 P6   1 spit   inizio strettoia,
fondo P10
molto fango
consigliati 2 m di scalette per l'uscita
  P12   1 spit     corda unica su P10
15 P10 Corda 45 m 1 nut   foro naturale uscita impegnativa ,
fango
  P28     spuntone a -5 cengia  
16     1 nut     strettoia impegnativa
        1 nut a -10 blocchi e lame di roccia  
        1 nut a -20   frazionamento facoltativo:
mare di fango
LA RISALITA
7 P30       fine scivolo questo tratto di grotta è gia armato
Cart1
Cart2
Photo
Photo
Photo
Photo
Photo
Photo
Photo
Photo
Photo
Photo
Photo
Photo
Photo
Photo
Photo




Coordinate convertite per gps
Lat:44.46130556N Lon:8.84533333E Datum:WGS84
Share |
You must be registered to Openspeleo to post a comment


 stay connected
Password recovery
Inscrivez-vous